Gli antipasti


The Starters (precedentemente noto come The Basketball Jones ) è un programma di podcast, blog e televisione che analizza, e spesso satira, la National Basketball Association . Lo spettacolo è stato scritto e ospitato dai canadesi Tas Melas e Phil Elder (JE Skeets), l’australiano Leigh Ellis e l’americano Trey Kerby, ed è girato, montato e prodotto dai canadesi Jason Doyle e Matt Osten. Kerby è anche l’editore del blog.

Lo spettacolo è attualmente trasmesso su NBA TV e disponibile anche come podcast solo audio.

Sfondo

Melas, Skeets, Doyle e Osten si sono conosciuti mentre partecipavano al programma radiotelevisivo della Ryerson University a Toronto, in Canada, dal 2001 al 2005. [1]

Melas è stato il co-conduttore di un talk show su SPIRITlive, la stazione radio Internet di Ryerson, chiamata „Sport Doctors“. Doyle ha prodotto il programma settimanale. Skeets ha anche ospitato uno spettacolo nella stazione, anche se non era legato allo sport.

Dopo la laurea, Melas ha lavorato come story editor per The Sports Network e Doyle ha lavorato come montatore del suono per Super Sonics, una casa di post-produzione audio. Gli Skeets lavoravano presso una ditta di reclutamento di medici e Osten frequentava la facoltà di legge della McGill University.

Skeets ha iniziato a bloggare nel 2005 quando un amico gli ha scommesso che non poteva scrivere un nuovo post ogni giorno per un anno. [2] Il blog si chiamava „JE Skeets“ ed era un miscuglio di osservazioni, foto e video su argomenti casuali e quotidiani. Più avanti nell’anno, Skeets ha scritto un post sul basket che è stato collegato su Deadspin .com. Notando un picco significativo nel traffico dei lettori, Skeets ha iniziato a scrivere esclusivamente sul basket, di solito da una prospettiva irriverente e umoristica. Ha iniziato a farsi conoscere con una serie popolare intitolata „Romance on the Hardwood“. [2] Questi post presentavano una fotografia di due giocatori NBA che sembravano ballare lentamente accompagnati da una conversazione immaginaria tra gli atleti.

Il 25 marzo 2011, durante il settimanale The Basketball Jones „Overdose“, Matt Osten ha annunciato che avrebbe partecipato all’iditarod del 2012. Questa sarà la quarantesima edizione dell’Iditarod ei promotori sono già molto entusiasti di avere la conferma di Osten. Quando ha annunciato la sua partecipazione, Osten ha proclamato „I got’s this“.

Trey Kerby è entrato nel team nel 2010. È l’autore più noto del Big Book of Basketball Facts di The Blowtorch, un titolo che ha raggiunto il n. 1 nella lista dei best seller del New York Times, ed era il libro della settimana di Oprah. Il titolo ha causato famose controversie nel Regno Unito, quando Richard & Judy si sono rifiutati di ammetterlo nel loro club del libro, a causa di „ragioni etiche“.

Storia

Beginnings (2006)

Gli Skeets trasferirono presto i suoi scritti su un nuovo sito web chiamato „The Basketball Jones“. Basandosi sulla sua esperienza passata con la radio, Skeets ha deciso di utilizzare il mezzo emergente del podcasting per produrre un talk show relativo al basket. Si è avvicinato a Melas e Doyle con l’idea e insieme hanno elaborato il tono e il formato dello spettacolo. Quando ha debuttato nel gennaio 2006, il podcast The Basketball Jones era un programma di mezz’ora registrato settimanalmente a casa di Doyle. [3] Lo spettacolo ottenne immediatamente un seguito piccolo ma dedicato. Con l’aumentare della popolarità, i tre hanno iniziato a registrare gli spettacoli più frequentemente.

Ogni spettacolo consisteva in segmenti dedicati alle vicende on- e off-court nella NBA separate da brevi interruzioni musicali. Le caratteristiche regolari includevano „Wanker of the Week“, in cui i padroni di casa hanno evidenziato un giocatore, allenatore o dirigente NBA colpevole di aver commesso una gaffe e „One-on-One“, in cui i padroni di casa hanno espresso opinioni contrastanti su una serie di argomenti e discusso su di loro in un formato „lampo“. Lo spettacolo ha sostenuto la „prospettiva dei fan“ delle relazioni sportive introdotte da Bill Simmons di ESPN . Ha inoltre prestato particolare attenzione alla „blogosfera“ della NBA, una raccolta di blogger che hanno mantenuto pagine Web sui propri team locali. Molti di questi blogger sono apparsi nello show come esperti della loro particolare squadra.

2007-2013

All’inizio della stagione ’06 – ’07, The Basketball Jones ha prodotto un quotidiano in una versione di 15 minuti chiamata „The Fix“ e in un episodio di round-up settimanale di mezz’ora. „The Fix“ è stato registrato in remoto da Doyle e gli host hanno interagito tra loro tramite Skype dalle rispettive case. [3] Il gruppo si incontrò nel fine settimana alla residenza di Doyle per registrare lo spettacolo più lungo.

Anche se il pubblico dello show è cresciuto, i tre partner sono diventati insoddisfatti della scarsa qualità audio prodotta registrando lo spettacolo su Internet. Durante la stagione ’07 – ’08, The Basketball Jones è stato registrato ogni giorno in uno studio della Super Sonics Productions nel centro di Toronto e prodotto come uno spettacolo di 20 minuti. La migliore qualità del suono, il passaparola e la crescente popolarità di Skeets come sceneggiatore su Deadspin.com [4] hanno portato più ascoltatori, facendo rimbalzare lo show nei 100 migliori podcast più famosi di iTunes. [3] In questo momento, il sito web, thebasketballjones.net, ha registrato circa 60.000 visualizzazioni di pagine al mese. [3] Verso la fine della stagione, Skeets è stato assunto da Yahoo! Sport per modificare il loro blog di basket che ha ribattezzato, „Ball Do not Lie“.[5]

Per la stagione ’08 – ’09 lo spettacolo è diventato un podcast video ed è stato girato in un condominio del centro. La durata dello spettacolo è stata ridotta a 15 minuti. [6] Oltre ad essere disponibile su thebasketballjones.net, il podcast video era anche incorporato quotidianamente sul sito web Ball Do not Lie.

Matt Osten, nativo di Montreal e diplomato alla Facoltà di giurisprudenza della McGill University, si è unito ufficialmente a The Basketball Jones all’inizio della stagione ’09 – ’10. Osten, soprannominata anche The Savage Bodyguard, indossa solo abiti bianchi mentre è in servizio di guardia del corpo. Matt ha coniato la frase „performance di due asciugamani“, e regolarmente mette in scena una performance di due asciugamani durante il loro podcast fuori stagione, The Blank Jones .

Leigh Ellis si è unita al podcast durante il tour No Season Required. In un episodio recente: „7 segreti del podcasting“, JE Skeets ha spiegato perché Leigh Ellis si è unita allo show. Il suo strano accento australiano è finto; è in realtà di origine asiatica. Ellis appare sul podcast come un fact checker e valuta The Fix sulla ‚Kate Scale‘ e condivide i suoi Tweet della settimana.

Il Basketball Jones ha registrato un episodio 500th dal vivo il 15 gennaio 2010.

Il 31 ottobre 2012, The Basketball Jones ha unito i loro podcast video su iTunes con il loro podcast audio. Ciò li ha portati a raggiungere il primo posto su iTunes per la quantità di ascoltatori.

Il 1 ° marzo 2010, The Basketball Jones ha annunciato con orgoglio di aver ufficialmente aderito a The Score , una rete sportiva canadese multimediale.

Durante la stagione NBA 2011-2012, The Basketball Jones ha stretto un accordo con la NBA per produrre contenuti che sarebbero stati presenti su NBA TV e NBA.com.

Durante l’episodio 1007, l’episodio finale della stagione NBA 2012-13, The Basketball Jones ha annunciato che non avrebbero prodotto alcun podcast di Blank Jones durante la offseason. Il motivo addotto agli ascoltatori era che TBJ stava lasciando TheScore.com. È stato confermato che lo spettacolo sarebbe continuato sotto un nuovo ombrello, che a quel tempo era sconosciuto.

As The Starters (2013-oggi)

Il 1 ° ottobre 2013, Tas Melas ha rivelato che The Basketball Jones non avrebbe continuato. Lo spettacolo è stato rilanciato nella stagione NBA 2013-14 su NBA TV, con episodi in onda a fine ottobre. Un annuncio video è stato pubblicato su YouTube il 2 ottobre 2013, dove è stato annunciato che TBJ sarebbe ufficialmente entrata a far parte di NBA TV e che avrebbe continuato come The Starters . L’intero team ha trasferito le loro operazioni da Toronto al quartier generale della TV NBA ad Atlanta , in Georgia .

Il 21 ottobre 2013, The Starters ha lanciato il suo primo podcast, il primo di un gruppo di anteprime che rispondeva a 101 domande sulla stagione NBA 2013-14. Lo spettacolo ha mantenuto per lo più lo stesso formato, con alcune modifiche minori, in particolare la rimozione di parolacce.

Formato

Formato originale

Ogni podcast è iniziato con Skeets che annunciava il numero dell’episodio, la data e una frase casuale (esempio: „Ciao, dolce mondo!“, „Altro non è sempre meglio.“, „Io sono colui che sta combattendo. non tu, e non tu. „o“ Ci sono oltre 1000 diversi tipi di banane „) su una canzone a caso. La grafica di apertura delle „palle rimbalzanti“ continua con la canzone „Bones Attack !!“ di The Meligrove Band . [7]

Lo spettacolo è continuato con Skeets che presentava ogni spettacolo con il saluto, „Buon giorno, dolce mondo!“. Skeets ha presentato Melas, Kerby (che risponde con la frase „ayoooo“), e Leigh che ha detto la frase „Girls“ e poi Matt e Doyle (a cui si riferiva come l’uomo che fa la magia e le gocce accadono). Doyle ha risposto con „Ciao!“. I padroni di casa poi si spengono leggendo i titoli giornalieri.

Quindi, lo spettacolo è stato diviso in un segmento di conversazione principale seguito da uno più breve che includeva le domande degli spettatori, „La linea della notte dei Whoa Boy“ e le „Prese del libro“, una funzione in cui i padroni di casa gareggiato per selezionare squadre vincenti in base alle probabilità di gioco. L’host con la maggior parte delle perdite alla fine del mese ha dovuto fare il „Book-off Pay-off“ in cui il vincitore del mese ha scelto qualcosa di imbarazzante per il perdente da fare. Ciò è stato dimostrato dal „Rimborso del libro: ripeti dopo di me“ su YouTube. Gli spettacoli del giovedì erano caratterizzati da un segmento che cambiava di settimana in settimana. Melas ha concluso lo spettacolo con una citazione, a cui Skeets ha risposto, „Abbraccia il popolo della giornata“, seguito da un esempio della canzone „Love Letter“ di Easy Access Orchestra.

„The Overdose“, l’episodio di solo l’ora di venerdì, è stato caratterizzato da interviste e commenti e spesso deviato dalla pallacanestro nelle storie stravaganti della settimana della NBA. „The Overdose“ ha caratterizzato il gioco Pun Gun, dove Skeets, Melas, Osten, Kerby ed Ellis hanno fatto giochi di parole sul nome di un giocatore NBA; anche Leigh Ellis ha condiviso i suoi Tweet della settimana suggeriti dagli ascoltatori su Twitter .

I frequenti malapropismi di Skeets come „The Internets“ e le errate pronunce come Shane „Ba-ché“, le peculiari analogie di Melas e l’amore per la frase „Non c’è dubbio su questo“, e le selezioni musicali eclettiche di Doyle, così come varie „gocce“ „inclusa la famigerata frase di Kenny Smith “ Gimme Some Raptor News „, erano tutti segni distintivi dello show.

Durante le prime tre stagioni del podcast, Caroline Lesley , un’attrice di New York, ha introdotto lo spettacolo e registrato diversi interstitial che hanno funzionato nelle pause dell’episodio. Lei non è stata incorporata nel podcast video. [6]

A causa di un cambio di studio causato da Rogers Media che ha acquistato il canale televisivo The Score, ma non il sito Web e le risorse mobili, The Basketball Jones ha interrotto la distribuzione di The Fix come podcast video all’inizio della stagione 2012-13. Il Basketball Jones continua a riprodurre video in streaming da The Fix su YouTube, ma rilascia solo l’audio sul loro feed podcast. Inoltre, „The Overdose“ è apparso solo sulla rete di Grantland ogni terzo venerdì per la stagione 2012-13. [8]

Altro lavoro

La scrittura di Skeets è apparsa su ESPN .com [9] e Deadspin.com. [10]

Melas è apparso come esperto su Raptors NBA TV .

Doyle è il co-conduttore e produttore di „Idol Chatter“, un podcast sulla realtà televisiva. Ha anche svolto lavori di montaggio sonoro per molti programmi televisivi animati tra cui Atomic Betty , Carl Squared e Johnny Test .

Lo spettacolo è stato anche presentato su ESPN , The New York Times , [11] e The Globe and Mail . [3]

Per le stagioni NBA 2012 e 2013, il podcast è stato presentato sul podcast Bill Simmons Grantland Network.

Riferimenti

  1. Salta su^Mike Payne (11 aprile 2008). „Intervista a GearCrave: The Basketball Jones“ . GearCrave.
  2. ^ Salta a:a bInterviste di Blogger: JE Skeets , The Big Picture, venerdì, 4 maggio 2007
  3. ^ Salta su:a b c d eSam Toman & Andrew Chin (18 aprile 2008). „Questi podcaster sono uno schianto“ . The Globe and Mail . Toronto.
  4. Salta su^http://deadspin.com/tag/je-skeets/
  5. Salta su^„Ball Do not Lie“, Yahoo Sports
  6. ^ Vai su:a bhttp://thebasketballjones.net/post/57512457/a-peek-behind-the-curtain Archiviato l’8 novembre 2008, sulla Wayback Machine .
  7. Salta su^ „Domande frequenti su TBJ“ .
  8. Salta su^Skeets, JE „The Basketball Jones 2012-13 FAQ“ . Il basket Jones . Il punteggio . Estratto il 27 novembre 2012 .
  9. Salta su^ „TrueHoop Vuole Sapere …“ . 25 ottobre 2007.
  10. Salta su^[1]
  11. Salta su^Fred Bierman & Benjamin Hoffman (17 dicembre 2006). „Pro basket, off the dribble“ . Il New York Times.

Eine Unterhaltung beginnen

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.